Archivio Prog

U

U.K. Uovo di Colombo

 

 

  U.K.   - Supergruppo inglese che sul finire dei Settanta prova a rinverdire i fasti del progressive classico. L'ideatore del progetto è Bill Bruford, batterista già con Yes e King Crimson, ma con lui suonano altri veterani come John Wetton (voce, basso), Eddie Jobson (tastiere e violino), e il chitarrista Allan Holdsworth: un quartetto stellare che suscita grande interesse e aspettative. Il disco d'esordio, pubblicato nel 1978, è intitolato semplicemente "U.K."(): otto episodi suonati con bella verve da musicisti navigati, ma tutt'altro che stanchi. "In the dead of night", che apre il disco, è un concentrato sapiente del suono-UK: ritmica incalzante e ottimi riff di chitarra, con le tastiere lussureggianti di Jobson in bella evidenza, come nella ripresa del tema ("Presto vivace e ripresa"). Tastiere elettroniche e chitarra solista sono al centro della sequenza "Alaska/Time to kill", prima rarefatta e poi articolata in una serie di variazioni in stile fusion: il secondo brano fluisce dinamico fino a quando entra il virtuoso violino di Jobson a rendere più intrigante l'atmosfera. Brillanti anche "Nevermore", bilanciata tra suoni sintetici e momenti di grazia melodica garantiti dalla bella voce di Wetton, e il finale di "Mental medication", dove basso e batteria salgono in cattedra insieme alle tastiere. Subito dopo la band si scinde in due tronconi: Bruford e Holdsworth formano i Bruford con altri elementi, mentre Jobson e Wetton tirano dritto con il marchio UK, chiamando Terry Bozzio alla batteria e rinunciando alla chitarra. Il risultato è un altro disco discreto, come "Danger Money" (1979), che fin dall'iniziale title-track sfodera un piglio diverso, quasi "vintage" a tratti, specie per l'organo di Jobson, protagonista decisivo. Eccellente in "The only thing she needs" il lavoro ritmico di Bozzio e Wetton, che incornicia gli spunti dell'organo. Molto romantica è "Rendez-vous", dominata dal pianoforte e da limpide parti vocali, e di sicuro effetto "Caesar's palace blues", con Jobson scatenato al violino. La lunga coda di "Carrying no cross" è la vera sorpresa: introdotta dal canto malinconico di Wetton, prende corpo progressivamente sull'organo e il piano di Jobson, che dimostra in un sol colpo qualità tecnica ed estro sopraffino, ben assecondato dal duo ritmico. Dopo il live "Night After Night" (ancora 1979), il trio si sfalda. Wetton vivrà negli anni Ottanta una fortunata avventura con gli Asia.

"U.K."

  Uovo di Colombo   - Nata in qualche modo sulle ceneri dei Fholks, gruppo nel quale esordirono sia Enzo Volpini che Ruggero Stefani, l'Uovo di Colombo è una formazione romana che si segnala come open-act dei Deep Purple nel tour italiano del 1973, e lo stesso anno realizza il solo album omonimo, passato piuttosto inosservato, ma niente affatto disprezzabile. Il quartetto (batteria, basso/chitarra, tastiere/chitarra e voce solista) rimane uno dei più tipici esempi del prog italiano classico, e si colloca a pieno titolo nella grande famiglia del rock sinfonico e classicheggiante: nella formula compositiva abbondano infatti le tastiere di Enzo Volpini, impegnato soprattutto all'organo e al synth, che sviluppano temi ariosi sui quali interviene la buona voce solista di Toni Gionta, vigorosa e drammatica quanto serve. Tra i momenti più significativi, in quest'ottica, va citato soprattutto un pezzo come "Consiglio", con liriche a sfondo religioso che tornano anche in "Io" e "Vox dei", musicalmente però meno efficaci. In linea generale il disco è ben suonato e ha pure una sua vena melodica non trascurabile, anche se non può definirsi totalmente risolto: alterna infatti spunti strumentali molto vivaci, articolati a dovere, come "L'indecisione" in apertura o il brioso strumentale "Turba", dominato dalla chitarra elettrica, ad altri episodi fin troppo enfatici: ad esempio "Anja". Dato comunque il discreto livello tecnico dei singoli componenti, la sequenza rimane sempre di piacevole ascolto, guadagnandosi anzi nel tempo una buona reputazione tra gli appassionati. A parte il ruolo dominante delle tastiere, è pure di grande rilievo nei passaggi più serrati di "Visione della morte" l'apporto creativo al basso di Elio Volpini (fratello di Enzo), il quale aveva fatto parte in precedenza dei Flea, e una volta sciolto il nuovo sodalizio entra negli Etna, ennesima incarnazione di quel gruppo. A sua volta, il batterista Stefani farà parte del supergruppo Samadhi. Curiosa anche la parabola del cantante Toni Gionta Tartarini: nel 1974 è la voce solista nel primo disco dei Cherry Five, a lungo dimenticato, e negli anni Ottanta è membro degli Stradaperta, prima di cantare nuovamente nel secondo album della band pre-Goblin, uscito quasi quarant'anni dopo l'esordio. Le ristampe in CD sono a cura di Vinyl Magic e Mellow Records.

"L'Uovo di Colombo"

"Consiglio"